Facebook Flickr YouTube E-mail
formats

Tutto quello che bisogna fare e sapere prima del pick up

E’ sempre così, per tutte… non bisogna stupirsi se proprio al momento di iniziare sorgono mille dubbi e domande. Sia alle più precise – che hanno addirittura segnato cosa fare passo passo – sia a quelle che non perdono un colpo e ricordano sempre tutto, succede di essere assalite da dubbi che in fase di colloquio con il medico non avevano minimante sfiorato la mente. A sentire il dottore era così semplice e lineare…“al giorno previsto dal protocollo inizi con la stimolazione
Ma dove fatta l’iniezione? E non ci sarà mica un orario migliore? Ma potrò fare tutto? Ma si possono avere rapporti? Ma nei prossimi giorni sarò fuori casa, come posso conservare il medicinale? O ancora certi sintomi strani sono effetti collaterali della cura o tutto frutto dell’immaginazione?

infermieraA rispondere a tutte le domande più strane, buffe, sensate e che sembrano anche stupide alle volte, al centro “Eubios” del gruppo Centri Fivet Prof. Zech di Merano ci sono le infermiere Carmela, Ulrike e Renata. Il loro compito, infatti, è quello di seguire le pazienti durante tutto il loro percorso di procreazione assistita. “E’ normale e naturale – dice Carmela – che tra noi infermiere e le pazienti si instauri un rapporto di fiducia e addirittura amicizia molte volte. Siamo noi che per mail o in rari casi posta o fax, trasmettiamo il piano terapeutico ad ogni paziente con le ricette dei medicinali, le precauzioni da avete, il timing di cosa fare e quando, oltre al protocollo da seguire in fase di pick up, transfert e post/trasfert.

“Il nostro contatto con ciascuna paziente però va oltre questo semplice passaggio di informazioni. Siamo donne prima di tutto e siamo qui in aiuto e a sostegno di altre donne che stanno vivendo uno dei periodi più difficili e delicati della loro vita. Le storie che arrivano qui toccano il cuore nel profondo e non andremmo a dormire soddisfatte se ci limitassimo a fare il mero lavoro che spetta a un’infermiera. Per questo, le mie colleghe ed io, così come i dottori, ci premuriamo che ciascuna coppia in base alla propria età, esperienza, situazione clinica, eventuale patologia e sterilità abbia oltre ad una terapia ottimale e soprattutto personalizzata, un sostegno individuale che metta al centro la persona. Noi siamo qui per dare aiuto e assistenza in qualunque momento; certo la e-mail è la modalità più veloce e immediata per comunicare ma sappiamo che in molti casi il sostegno fisico di una voce dall’altro lato del telefono può aiutare tanto per cui ci serviamo anche di quello.”


You must be logged in to post a comment.

Home Centro Merano Tutto quello che bisogna fare e sapere prima del pick up