Facebook Flickr YouTube E-mail RSS
formats

Storia del gruppo “Centri FIVET Prof. Zech”

Questa grande avventura è cominciata nel lontano 1987 quando il Prof. Dott. Herbert Zech, che già seguiva gli albori della medicina della riproduzione presso la clinica universitaria di Innsbruck (Austria),  e poi si trasferiva negli USA per approfondire le tematiche embriologiche, rientrato nella città natale di Bregenz (Austria) e con l’aiuto della consorte Annerose avviava il primo Centro austriaco privato di PMA. L’impegno all’inizio è stato notevole anche perché non erano ancora disponibili i farmaci che consentivano di pianificare le terapie in maniera precisa e molte volte i prelievi ovocitari bisognava farli in piena notte. I risultati però non si fecero attendere ed il grosso sacrificio ha portato nel corso degli anni a tantissime soddisfazioni.

Dopo i primi anni in cui si praticavano le normali tecniche FIVET, nel 1993 avvenne una prima svolta con la terapia ICSI il cui primo successo austriaco fu proprio ottenuto nel nostro centro di Bregenz. Altra data importante è il 1996 quando iniziarono le nuove tecniche di congelamento embrionario mediante vitrificazione, e venne avviata per la prima volta in Austria, la procedura di coltura blastocitaria sistematica. Nel 2005 nel centro di Bregenz la IMSI è stata per la prima volta introdotta come metodica standardizzata su larga scala, cosicché ora circa il 90% delle terapie si eseguono con questa tecnica. L’attività si è sviluppata però anche mediante la collaborazione in altre parti del mondo, infatti nel 1985 il Prof. Dott. Zech ha contribuito alla nascita del primo figlio in provetta in Ungheria e nell’ex Unione Sovietica.

La lungimiranza del fondatore del Gruppo ha fatto si che altre sedi, con gli stessi standard qualitativi e l’utilizzo delle stesse tecniche di procreazione assistita, venissero aperte in vari paesi europei. Il primo fu il centro di Merano, nel 2001, nato come sede italiana del Gruppo, successivamente venne aperto un centro a Salisburgo – il secondo in Austria – e uno in Svizzera a Niederuzwil, seguito poi dal Centro di Pilsen in Repubblica Ceca dove si praticano prevalentemente tecniche di fecondazione eterologa e diagnosi genetica pre-impianto. Recentemente è stato attivato un Centro a Vaduz in Liechtenstein ed avviate cooperazioni con altre cliniche importanti come il Centro di Bruxelles e una clinica specializzata nigeriana che lavora in partnership.

Dal 1997 tutti i Centri del Gruppo sono Certificati ISO per i controlli di qualità e sono conformi alle normative europee. Nuove tecniche sono state via via introdotte cosicché nel 2001 è stata eseguita la prima diagnosi pre-impianto per malattie monogenetiche e si stanno sviluppando ed impiegando nuove tecniche come la diagnosi pre-impianto su biopsia blastocitaria, l’embrioscopio ed altre nuove metodiche.

Anche il Gruppo si è via via allargato, la famiglia è aumentata e si sono dedicati a questa attività anche i figli della famiglia Zech con rispettivi mariti e mogli. Attualmente il gruppo vanta circa 220 collaboratori tra tutti i Centri europei. Come in tutti i settori l’alta qualità e la professionalità si può garantire grazie ad una sana globalizzazione delle procedure involvendo tutti i centri del Gruppo e garantendo in tutti i centri i massimi standard qualitativi.

 

formats

Le consulenze per le problematiche di sterilità – il primo colloquio

Riteniamo che per affrontare in maniera seria e professionale una terapia per trattare la sterilità di coppia, sia fondamentale un accurato colloquio con una completa valutazione del caso.

Solo l’inquadramento preciso della situazione della coppia e un’analisi delle cause che la possono aver determinata, possano garantire le massime possibilità di risultato ed una personalizzazione della terapia.

A nostro avviso una terapia personalizzata è l’elemento più importante per dare un servizio qualitativo. Infatti ogni coppia è una storia a se stante e quindi ogni coppia richiede un inquadramento diagnostico e terapeutico specifico e personalizzato.

Per questo motivo diamo ampio spazio al primo colloquio informativo che nel nostro gruppo dura circa 1 ora – 1 ora ½ a seconda della complessità del caso e consiste sia nella valutazione dei referti già disponibili, sia nella prescrizione di eventuali ed ulteriori accertamenti, sia nell’esame clinico della paziente.

A questo punto, analizzata la situazione completa della coppia, il medico indica la terapia più consona e adatta da intraprendere. Un tempo adeguato viene inoltre dedicato alla spiegazione di quest’ultima e alla fondamentale lettura e comprensione del “consenso informato alla terapia” che viene, al termine, sottoscritto dalla coppia e del medico.

Ovviamente dopo il primo colloquio informativo si attendono gli eventuali esami integrativi prima di procedere alla stipula di un piano di terapia, lasciando tempo alla coppia di contattarci nel caso avesse ancora degli aspetti da chiarire.

In alcuni casi, soprattutto in situazioni complesse o in una non completa comprensione della situazione, si riconvoca la coppia per ulteriori colloqui informativi.

formats

Le blastocisti: uno dei fattori di successo della Fivet

Il centro Eubios di Merano, così come tutti i centri europei Fivet Prof. Zech, di cui quest’ultimo fa parte, pratica – nella maggior parte dei casi (nei casi in cui è possibile) – il transfert di blastocisti. Per blastocisti si intende, per spiegarlo in modo semplice, l’ovocita – ovvero la cellula nata dalla fecondazione dell’ovulo da parte dello spermatozoo – giunto a un determinato grado di sviluppo che coincide con il 5/6 giorno dalla fecondazione.

Coltura blastocisti

La fecondazione in vitro prevede, una volta ottenuto l’ovocita, che questo venga messo in coltura su un terreno fertile e conservato in incubatore ad una temperatura costante di 37 gradi. Durante le prime 18/20 ore il biologo controlla con un microscopio l’evoluzione degli ovociti e considera sani – e quindi trasferibili nell’utero della donna – solo quelli che si sdoppiano, nelle prime fasi di scissione, in 2 nuclei, e poi ancora nelle successive 36/72 ore in 4 e 8 cellule.

Nelle maggior parte dei centri di fecondazione assistita sia italiani che esteri, il trasferimento nell’utero materno avviene più o meno al 3 giorno dal pick up cioè quando il biologo ha individuato quegli ovociti considerati sani ovvero formati da 4/8 cellule. Purtroppo però, questo non garantisce l’attecchimento all’interno dell’utero anzi, in molti casi, si verificano degli insuccessi.

E’ stato proprio l’alto caso di insuccessi in questa precisa fase che ha spinto medici, biologi e embriologi, che operano all’interno delle strutture prof. Zech, dopo attenti ed approfonditi studi, ad allungare i tempi di attesa del transfert e impiantare nell’utero le colture blastocitarie. Queste ultime, infatti, che sono di numero minore rispetto a quelle che il biologo avrebbe selezionato al 3/4 giorno – a dimostrazione del fatto che anche in laboratorio non tutte continuano la loro vita – sono più resistenti e quindi garantiscono maggiore successo, nonostante di primo acchito può sembrare che le possibilità vengano ridotte.

Quelle 24/48 ore in più che conferiscono all’ovocita il nome di culture blastocitarie o blastocisti sono una naturale autoselezione in quanto non tutti gli ovociti che da una prima osservazione sembravano sani hanno proseguito la loro evoluzione in ulteriori cellule. Queste ore di differenza, significano certo , ma anche costi molto più alti in quanto, nell’ultima fase, vengono utilizzati nuovi terreni, i laboratori e i biologi devono lavorare per più tempo. Il giorno del transfert, cadendo in un momento preciso, cioè a 5/6 giorni dal pick up obbliga medici, personale di laboratorio e assistenti a lavorare senza sosta anche nel week end.

L’alta percentuale di successo e gli elevati standard qualitativi del centro Eubios di Merano e del network centri Fivet Prof. Zech, sono proprio il risultato di un modo di lavorare che mette al centro di tutto la realizzazione del desiderio di avere di avere un bambino.

formats

Differenza tra ICSI E IMSI

 Fivet: fecondazione assistita

Quando si parla di fecondazione assistita si fa riferimento a diverse tecniche che hanno per nome delle strane sigle. La prima impressione che si ha, nel sentirle, è di totale incomprensione e ignoranza in merito. Per questo ci siamo affidati alla dottoressa Christa Platzer, la biologa responsabile del laboratorio del centro Eubios Centri Fivet prof. Zech di Merano, in modo da farci spiegare in modo semplice e chiaro cos’è la Fivet, cosa si intente per ICSI E IMSI e soprattutto qual è la differenza tra queste ultime.

“La prima cosa da tenere presente, dice la biologa, e che stiamo parlando di tecniche di secondo livello di fecondazione assistita perché quando si parla di Fivet, ICSI e IMSI si fa riferimento alla fecondazione in vitro, ovvero alla fecondazione extracorporea. Tradotto in parole più semplici, l’incontro tra le cellule riproduttive della coppia avviene in laboratorio e solo in seguito alla fecondazione si procede con il transfert dell’embrione nell’utero della donna. L’acronimo FIVET che sta infatti per Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer, indica appunto questo tipo di fecondazione assistita”.

A complicare le cose è che spesso il termine FIVET viene anche usato per indicare una specifica tecnica di fecondazione, ovvero la prima messa in atto nel 1978. Stando a questa tecnica di fecondazione assistita, una volta prelevati gli ovociti dalla donna e gli spermatozoi dall’uomo, questi vengono messi in contatto all’interno di un incubatore lasciando che la fecondazione avvenga naturalmente, ovvero che lo spermatozoo da solo penetri lo strato esterno dell’uovo fecondandolo. Nei casi di sterilità maschile più grave questa tecnica non riscontra dei grandi successi perché necessita di spermatozoi “normali” per poter fecondare l’ovocita in quanto quelli anomali non riescono a penetrare la barriera di quest’ultimo.

“Per questo, con il passare degli anni, grazie ai continui studi in merito, si è arrivati a tecniche più mirate. E’ il caso della ICSI e della IMSI – prosegue la dottoressa – che vengono definite tecniche iniettive, ovvero dove siamo noi biologi che, scelti i migliori spermatozoi e i migliori ovociti iniettiamo sotto microscopio con un micro ago un unico spermatozoo all’interno di ogni singolo uovo, non lasciando quindi al caso la fecondazione vera e propria”. La differenza tra ICSI e IMSI sta non nella metodica ma nell’utilizzo di due differenti apparecchiature che permettono al biologo di vedere gli spermatozoi con ingrandimenti differenti.

ICSI vs IMSI

La metodica ICSI- che significa iniezione intracitoplasmica dello spermatozoo – si basa su una valutazione morfologica da parte del biologo che, grazie a un ingrandimento 200-400x, riesce a scegliere con cura quali spermatozoi utilizzare.
La metodica IMSI – iniezione intracitoplasmica dello spermatozoo morfologicamente selezionato – non è altro che un miglioramento della precedente perché l’apparecchiatura in uso permette al biologo di osservare gli spermatozoi con un ingrandimento di 6-7000x riuscendo ad individuare in questi ultimi delle anomalie che con la ICSI non si riuscirebbero a vedere. In questo modo vengono scelti solo quelli perfetti che garantiscono una buona fecondazione.

“Ovviamente queste differenti tecniche vengono utilizzate a seconda del tipo di infertilità della coppia, anche se quella più usata qui da noi a Merano e la IMSI – prosegue la biologa. Detto questo, tutto è molto più semplice in materia di FIVET, ICSI E IMSI e non meravigliatevi se molte persone utilizzano e sfoggiano questi acronimi in maniera del tutto inopportuna”.

formats

Procreazione assistita: le spese mediche

9566861037_86149edced_o

Quando una coppia, preso atto della propria infertilità, decide di intraprendere la strada della fecondazione assistita sa già da subito che bisogna imbattersi anche in questioni economiche. Visti i tempi di crisi il fattore costi assieme alle percentuali di successo è sicuramente uno dei più incisivi nel momento in cui si fanno determinate scelte.

Il centro Eubios di Merano Centri FIVET prof. Zech, è una struttura privata non convenzionata con il Servizio Sanitario nazionale. Tutte le prestazioni mediche sono esenti IVA e posso ovviamente essere detratte dalla dichiarazione dei redditi come previsto dalla Circolare 108/E del 1996 nella quale si chiarisce che tutte le tecniche di inseminazione artificiale costituiscono spesa medica per la quale la detrazione spetta sull’intero importo. L’onorario delle diverse prestazioni, che differisce ovviamente dal tipo di terapia, può essere saldato tramite bonifico o carta di credito.

I farmaci necessari per la terapia sono quasi interamente prescrivibili e mutuabili a carico del SSN, presentando al proprio medico di base il piano terapeutico e le autorizzazioni che verranno rilasciate dal Centro.

Il centro Eubios è parte integrante di un network europeo Centri Fivet Prof. Zech che ha sede anche in Austria, Svizzera, Liechtenstein e Repubblica Ceca. Le prestazioni di tutti i centri all’estero sono esenti iva e detraibili fiscalmente dalla dichiarazione dei redditi come previsto dalla legge già sopra citata.

Tutta la parte amministrativa e contabile del centro Eubios è seguita dalla Sig.ra Alessandra che può fornire ogni tipo di informazione a riguardo e assistenza, anche logistica, in caso di prestazioni all’estero.

formats

Tutto quello che bisogna fare e sapere prima del pick up

E’ sempre così, per tutte… non bisogna stupirsi se proprio al momento di iniziare sorgono mille dubbi e domande. Sia alle più precise – che hanno addirittura segnato cosa fare passo passo – sia a quelle che non perdono un colpo e ricordano sempre tutto, succede di essere assalite da dubbi che in fase di colloquio con il medico non avevano minimante sfiorato la mente. A sentire il dottore era così semplice e lineare…“al giorno previsto dal protocollo inizi con la stimolazione
Ma dove fatta l’iniezione? E non ci sarà mica un orario migliore? Ma potrò fare tutto? Ma si possono avere rapporti? Ma nei prossimi giorni sarò fuori casa, come posso conservare il medicinale? O ancora certi sintomi strani sono effetti collaterali della cura o tutto frutto dell’immaginazione?

infermieraA rispondere a tutte le domande più strane, buffe, sensate e che sembrano anche stupide alle volte, al centro “Eubios” del gruppo Centri Fivet Prof. Zech di Merano ci sono le infermiere Carmela, Ulrike e Renata. Il loro compito, infatti, è quello di seguire le pazienti durante tutto il loro percorso di procreazione assistita. “E’ normale e naturale – dice Carmela – che tra noi infermiere e le pazienti si instauri un rapporto di fiducia e addirittura amicizia molte volte. Siamo noi che per mail o in rari casi posta o fax, trasmettiamo il piano terapeutico ad ogni paziente con le ricette dei medicinali, le precauzioni da avete, il timing di cosa fare e quando, oltre al protocollo da seguire in fase di pick up, transfert e post/trasfert.

“Il nostro contatto con ciascuna paziente però va oltre questo semplice passaggio di informazioni. Siamo donne prima di tutto e siamo qui in aiuto e a sostegno di altre donne che stanno vivendo uno dei periodi più difficili e delicati della loro vita. Le storie che arrivano qui toccano il cuore nel profondo e non andremmo a dormire soddisfatte se ci limitassimo a fare il mero lavoro che spetta a un’infermiera. Per questo, le mie colleghe ed io, così come i dottori, ci premuriamo che ciascuna coppia in base alla propria età, esperienza, situazione clinica, eventuale patologia e sterilità abbia oltre ad una terapia ottimale e soprattutto personalizzata, un sostegno individuale che metta al centro la persona. Noi siamo qui per dare aiuto e assistenza in qualunque momento; certo la e-mail è la modalità più veloce e immediata per comunicare ma sappiamo che in molti casi il sostegno fisico di una voce dall’altro lato del telefono può aiutare tanto per cui ci serviamo anche di quello.”

formats

Come prenotare la prima visita

E dopo tante parole, ripensamenti, infinite nottate sul web a cercare esperienze simili sulla sterilità, ore a rincorrere il sogno più grande della vita, ecco maturata la decisione: “domani chiamo il centro Eubios di Merano per fissare la prima visita!”
Con cuore in gola, le dita lente compongono il numero sulla tastiera del telefono e mentre la linea suona libera la mente vola…l’esito negativo dell’ultimo test di gravidanza, le notti in bianco, le lacrime incondizionate; i tentativi non riusciti, le iniezioni di ormoni e la mano sicura delle ultime volte; e poi i risparmi, i sacrifici, i viaggi rinunciati e gli straordinari in ufficio. I pensieri si affollano e mentre si ha un senso di vertigini una voce gentile dall’altra parte risponde.

Primo contatto

“Qualcuna ha la voce rotta e quasi balbetta, qualcun’altra invece è un fiume in piena” – racconta Michela. Lei sono tredici anni che lavora come segretaria al centro Eubios di Merano e con la sua collega Stefanie di casi ne ha visti davvero tanti. Loro sono donne, e come ogni donna ci mettono il cuore nel loro lavoro. Sanno bene come sta chi è dall’altra parte del telefono e sanno altrettanto bene che ogni storia, anche diversa una dall’altra, finirà per coinvolgerle nel più profondo del cuore. Nei centri europei Fivet Prof. Zech di cui Eubios è partner è così: la coppia, la donna, sono  prima di tutto delle persone.

“Molte coppie arrivano qui come ultima chance, hanno già vissuto diversi insuccessi, altre invece iniziano con noi la strada della procreazione assistita. A portarle a Merano in molti casi sono i loro ginecologi, o anche il passaparola – prosegue Michela. Di routine i tempi per un appuntamento sono all’incirca di un mese ma tutto dipende dalle analisi che si hanno a disposizione. Senza determinate informazioni sul piano clinico della coppia è impossibile per il medico fare un’esatta diagnosi e poi una valida terapia. Siamo noi segretarie a consegnare alle future pazienti la lista degli esami da portare in occasione della prima visita. Se la coppia ha già tutta la documentazione logicamente accettiamo quella, sempre che però le analisi siamo state fatte non oltre sei mesi prima. Se sono precedenti suggeriamo di rifarli prima di venire qui; questo è molto importante per una corretta diagnosi e molti purtroppo lo sottovalutano e restano sorpresi quando chiediamo di ripeterli.”

“Certo è che se i tempi di attesa per determinate analisi fossero lunghi, in caso di valori comprovati, allora fissiamo la colloquio il prima possibile e in questo caso le analisi ci verranno spedite in seguito via mail appena pronte. Veniamo sempre incontro alle diverse esigenze perché sappiamo che il tempo è prezioso e che tantissime coppie arrivano da lontano per cui devono organizzare la trasferta ed eventuali pernottamenti. Abbiamo una convenzione con diversi hotel in città, nel caso si abbia bisogno ci si può rivolgere direttamente a noi. In ogni modo noi siamo qui per dare tutto il supporto possibile, anche durante il viaggio, se ci fosse necessità”.

formats

PGS – Screening Genetico Pre-Impianto

Le tecniche di PMA si prefiggono di ottenere l’embrione di più alta qualità possibile per raggiungere i maggiori indici di impianto. Purtroppo però  è comprovato che anche una buona quota degli embrioni di più alta qualità (Top Blastocisti) possono essere portatori di anomalie genetiche o cromosomiche incompatibili con il loro  impianto o con la loro evoluzione.

genetica_pgs_PMA_pre-impianto
Read more…

formats

Vitrificazione

by | Published on 22. October 2013, in Uncategorized.

L’introduzione delle più moderne tecniche di congelamento (Vitrificazione) consentono non solamente di ottenere una gravidanza dopo un primo transfer di embrioni a fresco, ma anche di poter aspirare ad ottenere un secondo figlio da un’unica stimolazione ormonale.

Ci impegniamo molto nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie: sulla base delle numerose pubblicazioni sulle più importanti riviste mondiali di medicina della riproduzione, anche noi possiamo dimostrare nel nostro gruppo un eccellente risultato nel raggiungere la gravidanza, scopo principale della nostra attività.

Read more…

formats

Ovodonazione – Cosa devono sapere le pazienti…

by | Published on 11. October 2013, in Uncategorized.

Quando una donna non produce più ovociti, vuoi per fattori legati all’età o per patologie genetiche, interventi chirurgici, chemioterapie o altre cause o gli ovociti risultino di pessima qualità e non abbiano dato esito ad una gravidanza, l’ovodonazione rappresenta l’unica chance per avere un figlio.

ovodonazione_Fecondazione in vitro - FIVET
Read more…